Le Ultime Notizie a portata di Click
Logo Messina Notizie

Siciliana e modicana la Master Trainer di Piloxing. Nuove opportunità lavorative in vista

Domenica, 23 Febbraio 2014

Sono solo due i Master Trainer italiani della nuova disciplina sportiva “Piloxing” che sta spopolando già in tutta...

Leggi tutto...
Vinitaly, il trionfo della messinese Enza La Fauci col suo Faro

Domenica, 14 Aprile 2013

MESSINA, 14 Apr - La regina del vino è una Messinese doc, Enza La Fauci. Con il suo “Faro” ha conquistato il...

Leggi tutto...
Politica, ''modello siciliano'' per la Nazione? Ecco come lavora il M5S all'Ars

Mercoledì, 27 Febbraio 2013

MESSINA, 27 Feb - Il "modello siciliano", tanto apprezzato da Beppe Grillo e che il leader del Movimento 5 Stelle...

Leggi tutto...
Almanaccu Sicilianu

Giovedì, 24 Gennaio 2013

Feltrinelli Pointore 18.30

Leggi tutto...
Elezioni Politiche 2013. I candidati al Senato in Sicilia

Martedì, 22 Gennaio 2013

Saranno eletti 25 senatori. Confermate le candidature di Raffaele Lombardo e Gianfranco Miccichè nel Mpa e Grande Sud....

Leggi tutto...
Elezioni Politiche 2013. I candidati alla Camera Sicilia Orientale

Martedì, 22 Gennaio 2013

La commissione una volta svolte le dovute verifiche si pronuncerà sulla validità delle liste domani mercoledì 23...

Leggi tutto...

 

Invalidità civile, cosa cambia nel 2010

Nuove regole per contrastare le frodi in materia di invalidità civile

Le modalità di accertamento dell’invalidità civile sono cambiate. Dal primo Gennaio 2010 è entrato in vigore l’articolo 20 della legge di conversione n. 102/2009, che attribuisce nuove funzioni all’INPS.

L'articolo 20 riguarda sia le domande di accertamento delle minorazioni civili (invalidità, cecità e sordità) sia le domande di accertamento dell'handicap sia quelle per la disabilità.



Vediamo nello specifico quali innovazioni sono state introdotte.

Le Commissioni mediche delle Aziende sanitarie locali, per gli accertamenti sanitari di invalidità civile, sono integrate da un medico dell'INPS quale componente effettivo. L'accertamento definitivo e il controllo della permanenza dei requisiti sanitari nei confronti dei titolari spetta dall'INPS, che l’effettua avvalendosi delle proprie risorse umane, finanziarie e strumentali.

Le domande volte ad ottenere i benefici in materia di invalidità civile, complete della certificazione medica attestante la natura delle infermità invalidanti, debbono essere presentate all'INPS  esclusivamente in via telematica. La disposizione presuppone, dunque, che esistano una rete e una modalità di comunicazione uniformi su tutto il territorio nazionale, che consentano il passaggio dei dati in tempo reale. A tal fine è stata prevista la realizzazione di un'applicazione - disponibile sul sito www.inps.it - prelevabile dal cittadino o dagli Enti di patronato.

Sarà l’INPS a trasmettere le domande, in tempo reale e in via telematica, alle Aziende sanitarie locali. L’aggiornamento delle tabelle indicative delle percentuali dell'invalidità civile spetta ad una Commissione, nominata dal Ministro del Lavoro della Salute e delle Politiche sociali di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze.

Avverso il mancato riconoscimento sanitario è ammesso il solo ricorso in giudizio entro 180 giorni - a pena di decadenza - dalla notifica del verbale sanitario. Le recenti innovazioni non prevedono l'introduzione del ricorso amministrativo né di altre forme di contenimento del contenzioso. L'INPS diventa unica controparte nei procedimenti giurisdizionali civili relativi a prestazioni sanitarie previdenziali ed assistenziali. Nel caso in cui il Giudice nomini un consulente tecnico d’ufficio, alle indagini assiste un medico legale dell’ INPS. Il consulente nominato ha l'obbligo, a pena di nullità, di inviare apposita comunicazione sull'inizio delle operazioni peritali al direttore della sede provinciale dell’INPS competente.

Addentrandoci negli aspetti tecnico-procedurali, la norma ha portato i seguenti cambiamenti.

La nuova procedura prevede che la certificazione medica, necessaria per presentare la domanda, debba essere prodotta dal medico certificatore, cioè da un qualsiasi medico iscritto all’Albo e accreditato all’INPS. L'abilitazione sarà rilasciata dall'INPS su richiesta dei singoli medici. Il modulo di richiesta di abilitazione ai servizi telematici, debitamente compilato e sottoscritto dal medico, deve essere presentato direttamente agli uffici INPS.  L'Istituto, quindi, rilascerà un PIN che consentirà al medico certificatore di utilizzare la procedura nella parte relativa alla certificazione sanitaria. Completata l’acquisizione del certificato medico, il sistema genera una ricevuta con un numero di certificato, che il medico stesso consegna al richiedente affinché lo utilizzi per l'abbinamento della certificazione medica alla domanda. Il certificato medico deve essere abbinato alla domanda entro il tempo massimo di trenta giorni dal suo rilascio; superato tale termine, il numero di certificato impresso sulla ricevuta non sarà più utilizzabile per l’inoltro telematico delle domande.

Tutto il processo amministrativo e sanitario, nonché lo stato di lavorazione della domanda successivamente alla conclusione della fase sanitaria, sarà consultabile dal cittadino o dagli Enti di patronato direttamente sul sito www.inps.it, attraverso un PIN rilasciato dall'Istituto. Per ottenere il PIN il cittadino potrà farne richiesta telefonando al Contact Center INPS (803164) o direttamente sul sito dell’INPS, sezione dei Servizi online (inserendo i dati richiesti saranno visualizzati i primo otto caratteri del PIN; la seconda parte del codice sarà successivamente recapitata per posta ordinaria). I cittadini ai quali non può essere rilasciato il PIN attraverso le modalità sopradescritte, perché l’Istituto non dispone dei dati anagrafici, devono richiederlo direttamente presso gli uffici INPS, portando con sé un documento d’identità valido e il codice fiscale o la tessera sanitaria. 

Per i minori non ancora in possesso del documento d’identità è sufficiente esibire il codice fiscale o la tessera sanitaria. 

Il cittadino già titolare di invalidità civile con revisione non dovrà più presentare la domanda di revisione, ma verrà chiamato d'ufficio dall'Azienda sanitaria provinciale (ASP). Se la Commissione che si occupa degli accertamenti sanitari darà giudizio unanime, si passerà direttamente alla verifica dei requisiti socio-economici (redditi, iscrizione al collocamento). Quindi viene meno il passaggio alla Prefettura. Gli accertamenti sanitari conclusi con giudizio a maggioranza sono soggetti a successiva verifica con riesame degli atti o eventuale disposizione di una nuova visita. In ogni caso, la razionalizzazione del flusso procedurale tende a contenere i tempi dell’eventuale concessione.

Infine, spetta all’INPS concedere e pagare le prestazioni economiche.

Consigliamo i cittadini interessati a rivolgersi ad un patronato, per essere assistiti al fine di ottenere il riconoscimento dello stato di invalidità e delle prestazioni economiche collegate, a partire dall’inoltro telematico della domanda fino all'eventuale ricorso giudiziario.

Flora Bonaccorso



Vai alla fonte
Joomla | Messina Notizie
Rss | Messina Notizie Meteo | Messina Notizie Traffico | Messina Notizie Finanza | Messina Notizie Hotel | Messina Notizie Informatica | Messina Notizie Mail | Messina Notizie
Shop | Messina Notizie Annunci | Messina Notizie Incontri | Messina Notizie telefonia | Messina Notizie Calcio | Messina Notizie Auto | Messina Notizie Skipe | Messina Notizie



Iscrivi il tuo sito nella nostra Directory e diffondi i tuoi contenuti segnalando il tuo Feed Rss.
Anche il tuo sito o blog può diventare una fonte di Messina Notizie che aggrega i contenuti dai migliori Siti Messinesi
Dai rilevanza al tuo sito, al tuo Blog, alla tua Pagina personale
Per saperne di più, non esitare a contattarci
Informativa sulla privacy
Seo & Optimization by Blog Joomla | User Generated content - Ugc MessinaNotizie.it | Powered by Taolos Web Agency PI:03100660830